FENX, dalla Street Art di Parigi alle gallerie d’arte

Portray of Loic Le Floch aka FENX

Cos’è la Street Art o la Graffiti Art e c’è una porta d’accesso alle gallerie d’Arte? Loic Le Floch, artista parigino, ci aiuta a capire il mondo dei graffiti e ci racconta come è diventato un artista autodidatta. Contrariamente a quanto si pensi, FENX è piuttosto una figura eccezionale nella sua evoluzione come artista da galleria. Due motivazioni diverse tra il street artist e il pittore. Essere un artista di graffiti è un atto di ego-trip, anche se oggi si parla di Street Art o Graffiti Art. I graffiti devono essere immediatamente riconoscibili e leggibili su un massimo di supporti. Essere un artista della Street Art è anche un’avventura umana perché il graffitaro dipinge in gruppo. Come si diventa membri di una squadra e cosa comporta l’appartenenza a questo tipo di gruppo? Se oggi cerchiamo di spiegare cos’è la diversità come valore sociale, basta ascoltare la nostra discussione con FENX che ne parla in modo semplice perché l’ha vissuta. Una discussione vera e appassionante come mi piace nel podcast per trasmettere alle nuove generazioni che ci ascoltano testimonianze dirette con le personalità che fanno il mondo dell’Arte e della Moda oggi.

1 Luglio, 2021 | Paris
By Delphine Souquet

Portray of Loic Le Floch aka FENX

Chi è Loic Le Floch aka FENX?

Loic Le Floch è un artista visivo, graffitista all’inizio conosciuto con lo pseudo FENX, cresciuto nel quartiere della Défense a Parigi.

Loic Le Floch, tra graffiti e paintings, un ragazzo che diventa FENX nella Street Art di Parigi

Facevo un po’ di graffiti …

Loic Le Floch

Loic si esprime in questo modo mentre ce lo spiega per rispetto delle persone che hanno dedicato tutta la loro vita ai graffiti e la Street Art, è una parte della sua vita ma non tutta la sua vita. “Ero interessato anche ad altre cose, ero un po’ una specie di tuttofare, specialmente lo skateboard e la musica. L’artista parigino si è però dedicato ad esso realizzando importanti progetti intorno ai Graffiti in Francia negli anni 2000, come spiega nell’intervista che segue.

“Ho iniziato con un fratello e una sorella Punk che mi hanno messo in mano un pennarello durante le vacanze. Quando ho iniziato allora c’erano alcuni ottimi graffiti proprio giù per la strada da me. I bambini erano impressionati e volevano imitarli. È così che è iniziata. A volte la sera uscivo a vedere le loro opere, era la fine degli anni 80 e l’inizio dei 90”. Poi FENX ha scoperto un libro chiamato Subway Art, e ne è rimasto impressionato. Questo segnò l’inizio del suo periodo di graffiti e di Street Art.

Gli inizi come Street Artist e la scelta del nome FENX

Il nome FENX è venuto fuori, doveva avere una certa risonanza…

Loic Le Floch aka FENX

“Dipingevo con i graffitari che avevano 3 o 4 lettere mentre io avevo 5 lettere alla base”. Uno degli obiettivi dei graffiti è quello di far vedere il proprio nome. Il suo nome era Coker, ma era un po’ lungo. “Ci voleva troppo tempo per dipingere, o farlo in piccole lettere”. Ma l’obiettivo del graffitaro è che si veda il suo nome. Dopo un po’ di riflessione “è venuto fuori il nome FENX, aveva bisogno di una certa risonanza, ma poche persone capiscono che bisogna pronunciare Phoenix”.

L’artista Loic Le Floch e FENX per i graffiti e la Street art

Non era più l’alias FENX che si esprimeva, non era più la pittura fuori, era la pittura all’ interno …

Dopo un po’, “avevo voglia di esprimermi in un modo diverso”, sono passato a dipingere su tela e allora non era più l’alias FENX che si esprimeva perché cambiavo il mezzo: non era più dipingere fuori, era dipingere all’ interno”. Era Loic Le Floch che esprimeva se stesso, l’artista visivo e non più il graffitaro. E non più un Alias che voleva farsi conoscere.

Come ci spiega FENX, è un artista figurativo, formatosi come autodidatta e che tocca tutto, che si interessa a diversi medium, pittura naturalmente, ma anche scultura, video, e ha realizzato una parte importante di lavoro fotografico, 160 000 foto che vorrebbe poter mostrare un giorno.

La mostra personale dell’artista dedicata alle copertine di Playboy con la tecnica del Flat Painting

Le foto di moda sono incredibili, è un peccato che non siano più esposte

FENX ha appena fatto una Solo exhibition alla Cohle Gallery de Pigalle, una galleria parigina specializzata in arte urbana e contemporanea. Questa mostra è un progetto nuovo rispetto al passato per l’artista, che si è imbarcato in un nuovo formato più piccolo per illustrare le copertine più iconiche della rivista Playboy nel suo stile riconoscibile.une galerie parisienne spécialisée dans l’art urbain et contemporain. Cette exposition est un projet tout nouveau pour l’artiste qui s’est lancé sur un nouveau format plus petit pour illustrer dans son style bien reconnaissable les couvertures les plus emblématiques des magazines de Playboy.

“Penso che sia incredibile il lavoro che si fa nelle foto di moda, e penso che sia un peccato usare queste foto solo una volta per illustrare una rivista. Apprezzo l’emozione che i fotografi possono portare in un servizio fotografico. Ho avuto l’idea di fare questo progetto con le copertine di Playboy per rendere omaggio a questo lavoro, Playboy è una di quelle riviste che riescono a rendere iconica la loro prima pagina. Un Playboy degli anni 80 è molto interessante da sfogliare, per vedere come sono stati fatti gli annunci o i disegni che sono stati fatti a mano. “

Come ragazzo cresciuto nella città di La Defense, mi piacerebbe far parte del percorso artistico delle 70 opere

Loic Le Floch aka FENX

Ogni anno c’è un evento di arte urbana a La Defense. “Non ci sono mai stato ma mi piacerebbe essere invitato. Questo quartiere è particolarmente significativo per me perché sono un ragazzo di lì”.

Non tutti lo sanno, ma ci sono grandi opere esposte all’aperto a La Defense, tra cui una scultura monumentale di Joan Mirò. “Mi piacerebbe anche che una delle mie opere facesse parte di questa mostra. Ho fatto una scultura di un pugile donna che vorrei vedere perfettamente integrata in questo patrimonio urbano, sia a La Defense che a La Garennes Colombes dove oggi ho il mio studio”. FENX aggiunge che questa scultura potrebbe anche essere pattinata dai giovani, per combinarla con l’altra sua passione per il skateboard.

Prima che ci fosse Porte de Versailles, gli eventi si tenevano al Cnit. I ragazzi del quartiere andavano lì e cercavano di entrare per avere gli goodies. “E se facevi dei graffiti, sapevi che a La Defense i tuoi disegni sarebbero stati visti”. FENX condivide i suoi ricordi d’infanzia per evocare questo quartiere che non ha mai lasciato, anche oggi come artista da quando vi ha stabilito il suo studio.

Questa città di La Defense “mi parla molto. Mi piace il fatto che oggi le torri vengono riabilitate, visto che stavano invecchiando. La Défense sta tornando ad avere un aspetto molto bello”.

Essere un artista di graffiti è anche una parte di scoperta…

“Quando sei un artista di graffiti, c’è anche una parte di scoperta, vai sotto la lastra di La Defense nei tunnels perché vuoi scoprire. Si sente l’adrenalina perché si va in posti che normalmente sono proibiti al pubblico o che sono di difficile accesso.A volte è umido e tetro, ci sono luci fioche, è molto interessante. Si cammina nelle gallerie del treno, della RER, della metropolitana. Vedrai le firme di persone che sono andate prima di te e hanno trovato la stessa entrata. Ci sono molti sottopassaggi inutilizzati a La Défense, legati a progetti incompiuti, che hanno lasciato spazi vuoti dove i giovani si riuniscono in squadre per dipingere.

Oggi i graffitari più giovani sono felici di condividere questi nuovi luoghi e di mostrarli ai più grandi.

Fare Graffiti e Street Art in team è soprattutto il piacere di incontrare persone e scoprire il mix sociale

Sono i gruppi che ti aiutano a costruirti intorno a una passione, possiamo essere diversi ma ci riuniamo tutti intorno alle passioni

Loic Le Floch aka FENX

“Quello che è interessante quando ho iniziato a fare graffiti è la gente che ho incontrato. Si incontrano giovani di tutti i ceti sociali, ed è questo che mi è piaciuto molto perché ti insegna la società. “

Quando entri in una squadra sei giovane, hai 11, 12 o 13 anni. Cominci a interessarti al disegno, alla musica, ma a quell’età non sei ancora un graffitaro, un musicista o un tatuatore. Quello viene dopo. D’altra parte, è un’età in cui si incontrano persone. Questo lato della band ti aiuta a formarti e a trovare la tua identità. Ci sono anche come riti di passaggio, che è quello che manca ai giovani di oggi. Questo è anche quello che ho voluto rappresentare con i miei dipinti di riviste di Playboy, un simbolo per me del passaggio tra l’adolescenza e l’età adulta.

Dai graffiti alla tela: FENX il graffitaro diventa l’artista

Non so se ti mette implicitamente sulla strada di un artista quando fai Graf. I graffiti non riguardano solo la dimensione artistica, ma anche la volontà di essere visti.

“Per me non c’è una porta d’ingresso. Non è perché fai graffiti che l’obiettivo è andare in una galleria. Ci sono molti muralisti che si esprimono su questo mezzo e che non hanno il desiderio di andare in una galleria. Dopo, per Basquiat è un po’ diverso, era interessato ai graffiti naturalmente ma non possiamo parlare di un artista di strada che è andato in una galleria. Ma era in strada per attirare l’attenzione delle gallerie, per dire loro “Guardate che esisto”.

“Tutto quello che vedo per strada mi piace. Non c’è un Graf buono o brutto. Oggi mi interessano soprattutto i tag o throw-up (intermedio tra tag e Graf), le firme più che i graf. Oggi la pulizia dei muri è meno importante di prima, ci sono molti graffiti”.

Non c’è un occhio da intenditore sui graffiti. Ognuno guarda con la propria personalità. È un universo basato sull’ego Trip, ognuno ha la sua opinione e la sua personalità.

D’altra parte, lo stile è molto importante, sia nei graffiti che nella pittura.

Il progetto del libro After8 all’epoca del processo di Versailles

Loic Le Floch si è molto interessato ai graffiti, e in particolare ha partecipato alla stesura di un libro chiamato After8, che è stato scritto al periodo del processo di Versailles. Questo processo è quello che ha opposto la RATP e la SNCF (la metropolitana di Parigi e la compagnia ferroviaria francese) a 56 graffitari che hanno dipinto illegalmente sulle lamiere dei treni. “C’era il divieto di mostrare graffiti sui treni. In effetti, c’erano severe pene individuali ma mai un processo alla fine. Sono stato responsabile di una grande parte della raccolta di disegni per il progetto e la pubblicazione di un libro, in contatto con più di 300 persone che hanno dato i loro disegni per essere inclusi. Un grande progetto con alcuni ricordi spiacevoli legati all’aspetto ego-trip dei graffiti, ma con la soddisfazione di averlo completato fino in fondo”.

Il progetto di mostra di Graffiti e Street Art al Grand Palais

Con Alain Dominique Gallizia, abbiamo portato le opere della Street Art al Museo del Grand Palais nel 2009 a Parigi

Dopo questo progetto After8, Loic Le Floch ha incontrato un architetto chiamato Alain Dominique Gallizia. Nel 2009 aveva iniziato una collezione di Graffiti e ha proposto a Loic di partecipare a un nuovo progetto per una mostra questa volta, dopo l’uscita del libro After 8, in cui molti artisti di tutti i paesi sono stati esposti al Grand Palais”. All’epoca della mostra, poche persone parlavano di graffiti e anche molti artisti erano in difficoltà. E piaciuta moltissimo ai ragazzi di allora, i biglietti erano molto accessibili e si sentivano molto vicini alle opere che avrebbero potuto vedere anche nel loro quartiere. Questo ha permesso loro di comprendere l’arte in modo regressivo, prima di passare a qualcosa di più difficile da accedere come l’arte contemporanea”.

Lo Style di Loic Le Floch aka (conosciuto anche come) FENX, street artist di Parigi

La flat painting è una pittura liscia molto pulita

Ciò che caratterizza tecnicamente lo stile di FENX oggi è la flat painting, con una pittura liscia estremamente pulita dove non si vede quasi nessun confine. “Poi c’è l’uso di colori che hanno forza. Una parte del suo lavoro è orientata sullo Lifestyle come testimonianza di un’epoca, per esempio la tela esposta oggi nel suo studio che include personaggi contemporanei in una villa di Los Angeles ai bordi di una piscina. A volte come una presa in giro dei tabù della società, come la nudità femminile o l’uso di sigarette. “Per me non è necessario riscrivere la storia e si deve rappresentare i tempi e la società come erano. E la mia pittura rappresenta questo”.

Quello che potete imparare ascoltando il podcast 2goodmedia :

4’54 Il lavoro di FENX su tela
8′ La scelta del nome FENX, artista di graffiti
12’3 La mostra sulle copertine delle riviste Playboy alla Galleria Cohle di Pigalle
15’40 Ricordi del quartiere La Defense
22′ Scoprire La Defense in modo diverso : Il viaggio artistico delle opere di La Defense con 56 artisti
25’40 – 35′ : Graffiti Art ; Essere un artista di graffiti in una squadra a La Defense, un’avventura umana
35′ : Come si passa dai graffiti alle gallerie d’arte? Non c’è nessun ponte …
40′ : Dopo otto progetti di libri all’epoca del “processo di Versailles
43′ : Il progetto di mostra sulla Street Art al Grand Palais con Alain Dominique Gallizia
50′ Cosa caratterizza lo stile di FENX, artista di graffiti
Le raccomandazioni di FENX: il podcast di Fusi, Podcast l’Heure Bleue di Laure Adler

Non perdere la fine dell’episodio (dopo 1 ora) perché FENX ti dà un sacco di consigli su come diventare un artista, come iniziare e come diventare autodidatta. E anche come lanciarsi dal punto di vista imprenditoriale.

Contatti

Se vi è piaciuto questo articolo con FENX, artista di graffiti, vi piacerà sicuramente l’intervista con i due fondatori della Galleria Cohle di Parigi, specializzata in arte urbana e contemporanea.

Ora è il momento di ascoltare il podcast di Loic Le Floch aka FENX! Spero che troviate il suo percorso stimolante, ditecelo nei commenti su Apple Podcast!

Se ti è piaciuto questo podcast, lascia 5 stelle su iTunes per sostenere 2Goodmedia, il podcast in 3 lingue (inglese, francese, italiano) che dà voce a creativi e imprenditori.

Puoi contattare Loic Le Floch tramite il suo Instagram @FENX1974 o sul sito web della Cohle Gallery galleria d’arte urbana e contemporanea dove espone a Parigi.

Iscriviti a 2goodmedia sulla tua piattaforma podcast preferita per restare al passo con i nostri episodi e scoprire nuovi talenti dell’arte e della moda in Francia e in Italia. Se ti è piaciuto questo episodio, scopri il nostro podcast con la Galleria Continua d’Arte contemporanea fondata a San Gimignano in Italia e presente oggi a Parigi e Roma.

Sono Delphine, creatrice di 2goodmedia, trovami su Instagram @2goodmedia per saperne di più sui miei progetti e sulle caratteristiche con imprenditori creativi: designer, agenzie creative, artisti che spiegano il loro percorso, condividendo con noi la loro esperienza, il loro processo creativo e i loro progetti imprenditoriali.

Questo episodio è in : FRANCESE. L’intervista è sempre nella lingua madre dell’ospite per catturare meglio il messaggio di coloro che plasmano l’industria dell’arte e della moda.

2goodmedia, il click più cool del web in audio e immagini! Parliamo di arte e di moda, in Francia e in Italia. La missione di 2goodmedia è quella di creare un collegamento tra generazioni, culture e paesi senza filtri e con una visione inclusiva della società.

Trasmettiamo i nostri valori e la nostra passione per l’Arte e la Moda, perché la passione ci unisce!   

Se avete commenti, domande o idee per un’intervista, contattatemi via e-mail a: Delphine@2goodmedia.com

Credits : Photos et oeuvres de FENX, Courtesy of Loic Le Floch aka FENX, all rights reserved ; Article and Podcast by 2Goodmedia, all rights reserved.

Potrebbe interessarti

Menu